Ci trovi anche su
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 
 

  
 

  I nostri plus


  Fiera Rho-Pero
 

Vivere Milano

Area info

Apps utili

I nostri partners

 


Il Duomo di Milano





ORARI:

Lunedì – Venerdì: 8.00 – 22.00. Ultimo biglietto alle 21.00. Ultimo ingresso in fila 21.10

Sabato e vigilie di festa- apertura diurna: 8.00 – 17.30. Ultimo biglietto alle 17.00. Ultimo ingresso in fila 17.15

Sabato apertura serale: 18.30 – 22.00. Ultimo biglietto alle 21.00. Ultimo ingresso in fila 21.10

Domenica e feste- apertura diurna: 13.30 – 17.00. Ultimo biglietto alle 17.00. Ultimo ingresso in fila 17.15

Domenica apertura serale: 18.30 – 22.00. Ultimo biglietto alle 21.00. Ultimo ingresso in fila 21.10

PREZZI:

Museo: € 2,00.
Il biglietto per il Duomo dà diritto all’accesso anche allo Scurolo di S. Carlo, al Museo ed è valido per 72 ore a partire dall’obliterazione. È disponibile un servizio di noleggio di audioguida (non obbligatorio).

Terrazze Salita con ascensore intero: € 13,00; Salita con ascensore ridotto*: € 7,00 (Bambini 6 - 12 anni) Salita a piedi intero: € 8,00 Salita a piedi ridotto: € 4,00 (Bambini 6 - 12 anni)

Il Duomo di Milano è una chiesa, monumento simbolo del capoluogo lombardo e uno dei simboli d'Italia, dedicato a Santa Maria Nascente, situato nell'omonima piazza, nel centro della metropoli. Per superficie è la terza chiesa cattolica nel mondo dopo San Pietro in Vaticano e la cattedrale di Siviglia.
È la cattedrale dell'arcidiocesi di Milano ed è sede della parrocchia di Santa Tecla nel Duomo di Milano.Poche chiese, in Italia, hanno avuto una costruzione così lenta e complessa come la ebbe il Duomo di Milano; la sua elaborazione comprese un arco lunghissimo di ben cinque secoli durante il quale molte personalità di spicco ruotarono attorno al cantiere chiamate da tutta Italia per dare consigli e pareri. La costruzione del Duomo patrocinata dal vescovo Antonio da Saluzzo, ebbe inizio nel 1386. Per la costruzione del Duomo fu indetto nel 1390 un grande Giubileo, che esortava i milanesi a offrire denaro e manodopera.
Il progetto iniziale prevedeva l'uso del cotto ma nel 1387 il duca Gian Galeazzo Visconti, con l'intento di farne il grandioso simbolo del proprio potere, impose l'uso del marmo e le forme più moderne del gotico internazionale. I cinque secoli impiegati a completare l'opera hanno determinato l'evidente commistione di stili che caratterizza la cattedrale milanese. Alla direzione della "fabbrica" furono chiamati architetti lombardi, tedeschi e francesi che, per volere del Duca Gian Galeazzo Visconti, utilizzarono il marmo di Condoglia fatto arrivare lungo i Navigli. Il sigillo A.U.F. (ad usum fabricae), impresso sulle lastre, ne garantiva l'esenzione dai dazi. Consacrata nel 1418, la cattedrale rimase incompleta fino al XIX secolo, quando napoleone, che vi si incoronò re d'Italia, fece avviare i lavori di completamento della facciata.
Due sono le grandi opere di restauro eseguite sulla costruzione: la prima nel 1935 e la seconda, più complessa, dopo i bombardamenti aerei del 1943.
Infine, l'8 dicembre 1966, fu inaugurato il nuovo sagrato



CITY RESIDENCE MILANO S.r.l.
P.I. 06441750962 - REA MI 1893338 - cap. soc. €10.000 I.V.
Sede Legale - Piazzale Nigra, 4 - 20158 Milano Italia
tel. +39 02 36597040 - fax +39 02 36597042 - cell. +39 331 1825320